top of page
Progetto senza titolo.png

Alessio Lega

• Cantautore

 

12 album all’attivo, due volte Targa Tenco - è considerato uno dei principali autori della sua generazione, ma al contempo egli è uno studioso e uno storico della canzone d’autore (7 libri di argomento musicale), un didatta ed un apprezzato conferenziere.

La canzone, arte teatrale

Molti pensano sbrigativamente che la canzone sia un’arte eminentemente musicale.
Un manipolo di appassionati ritiene che la vera canzone, quella detta “d’autore”, si caratterizzi principalmente per le parole e dunque sia una poesia contemporanea.
Ma la canzone è innanzi tutto teatro: un testo che nasce da un ritmo preciso, rime che scandiscono i tempi, melodia che crea l’ambiente, l’accompagnamento che è la scenografia, i gesti essenziali di chi suona.

 

Nel primo dei due appuntamenti del nostro seminario-laboratorio analizzeremo le performance dei maestri della canzone: gli interpreti di Brecht e Weill, il cabaret tedesco, la grande tradizione francese degli attori-cantanti Montand, Brel, Aznavour,
fino ad arrivare al teatro canzone di Gaber, al cubismo isterico di Jannacci, all’apparente trasandatezza di Guccini, all’immobile ipnotismo di de André… 

 

Nel secondo ci sarà spazio per la performance a tutti i livelli: chi è in grado di suonare si accompagnerà, chi canta potrà cantare un brano (proprio o altrui), chi non si sente pronto per cantare in pubblico dovrà simulare un playback.

 

La precisione, il ritmo, il fraseggio, l’economia dei gesti, sono doti essenziali dell’attore - anche di colui che si dedica esclusivamente alla prosa - e la canzone è un esercizio utilissimo per sviluppare una commedia o un dramma in cinque minuti.

bottom of page